Gli attacchi dell'esercito srilankese uccidono 90 civili in 3 giorni, 195 i feriti

Saturday, 04 April 2009 00:00
Print

L’esercito dello Sri Lanka (SLA) ha continuato con i bombardamenti, con gli attacchi di artiglieria e razzi RPG nei dintorni della cosiddetta "zona di sicurezza" negli ultimi tre giorni, uccidendo 90 civili e causando 195 feriti, secondo le stime degli operatori umanitari.
Mercoledì 1 Aprile 2009, 33 civili uccisi e 78 feriti, Giovedì 2 Aprile 2009, 31 civili uccisi e 70 feriti, Venerdì 3 Aprile 2009, 26 civili uccisi e 47 pazienti sono stati ricoverati all’ospedale di fortuna in Puthumaaththa'lan Venerdì. 
Giovedì, 1000 tonnellate di alimentari, tra cui latte in polvere, triposha e farina di soya sono stati portati dalla nave della Croce Rossa (ICRC). La nave durante il ritorno ha trasportato 450 pazienti feriti e civili malati insieme ai loro assistenti sono stati trasferiti da Puthumaaththa’lan a Pulmoaddai nel distretto di Trincomalee.
Venerdì lo staff sanitario dell’ospedale improvvisato ha affermato che loro hanno bisogno di molte medicine e che solo 7 tipologie di articoli medico-sanitari sono stati portati sulla nave dell’ICRC Giovedì. Lo staff medico all’ospedale ha riportato che il problema della malnutrizione si sta diffondendo sempre di più tra i bambini.
Le persone sono state viste in attesa in lunghe code per ottenere aiuti umanitari.