Lunedì 23 Marzo 2009: L'esercito dello Sri Lanka uccide 128 civili in 48 ore

Tuesday, 24 March 2009 17:31
Print
Lunedì 23 Marzo 2009, gli attacchi con bombe a corto raggio da parte dell'esercito dello Sri Lanka, come i razzi RPG e gli spari d’arma da fuoco, hanno ucciso 92 civili, tra cui 19 bambini. In base alle informazioni ricevute dagli operatori umanitari e dalle autorità mediche Domenica sono stati uccisi 32 civili, tra cui 7 bambini. Lunedì circa 160 civili sono stati feriti a causa degli attacchi coi razzi RPG, inoltre è stata colpita la zona di Puthumaaththa’lan all’interno della “zona di sicurezza”. Durante il giorno, maggiori e sistematici attacchi sui civili avevano come obbiettivo quello di sfrattare i civili presenti nella così detta zona di sicurezza, ha riferito il corrispondente del Tamil Net che ha visitato la zona dove è avvenuto il massacro.
Lunedì intorno alle 16:00 sono stati uccisi 9 civili vicino all’improvvisato ospedale di Puthumaaththa’lan. Le bombe hanno colpito da una distanza di 400 metri, dietro all’ospedale. Altre 3 bombe, che hanno colpito la zona di Pokka’nai, hanno ucciso 16 civili.