TamilAction

notizie in lingua italiana sulla guerra in Sri Lanka - Per informazioni: info@tamilaction.org

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Notizie Domenica 21 Marzo 2010 si terranno le elezioni dei membri del consiglio dei tamil in Italia e il referendum sull'autodeterminazione.

Domenica 21 Marzo 2010 si terranno le elezioni dei membri del consiglio dei tamil in Italia e il referendum sull'autodeterminazione.

E-mail Print PDF
Domenica 21 Marzo 2010 si svolgeranno in tutta Italia le consultazioni elettorali dei cittadini di madrelingua Tamil, originari dello Sri Lanka e residenti in Italia.
Con la fine dell'epoca coloniale, nel 1948, i tamil si son trovati sotto la sovranità dello Stato dello Sri Lanka (ex Ceylon) con la maggioranza cingalese al potere. Tutte le richieste democratiche e pacifiche per un’uguaglianza dei diritti fatte dai politici tamil, per oltre 30 anni, non sono state accettate dal governo srilankese che ha sempre effettuato una repressione violenta. Dal 1983 l’esercito srilankese ha portato avanti una guerra genocida nei confronti del popolo tamil per sopprimerne ogni aspirazione politica eliminandone storia e cultura. Dal Maggio 2009 nonostante il governo dello Sri Lanka abbia dichiarato la fine del conflitto l'occupazione militare delle aree tamil non è finita e decine di migliaia di civili si trovano nei campi di internamento. In questo paese non esiste il rispetto dei diritti umani, della libertà di stampa, e i tamil non possono esprimere liberamente le loro idee politiche.
I tamil della diaspora, gli unici che possono esprimere le aspirazioni del popolo tamil, hanno avviato un processo democratico, unitario e non violento per far valere i propri diritti.
Si terranno pertanto le elezioni per la costituzione del Consiglio dei Tamil in Italia per rappresentare ufficialmente la comunità tamil nei rapporti con le istituzioni e la società italiana. Il consiglio sarà formato da 20 membri, dei quali 15 eletti da 7 circoscrizioni elettorali e 5 eletti a livello nazionale.
I politici tamil han rivendicato nel 1976, come unica soluzione alle discriminazioni subite dal popolo tamil, il riconoscimento del diritto all’autodeterminazione e la creazione di uno stato indipendente e sovrano, il Tamil Eelam, nel Nord ed Est dell'isola dello Sri Lanka, patria tradizionale del popolo tamil (Risoluzione di Vaddukodai).
Questa risoluzione è stata appoggiata dalla maggioranza assoluta dei cittadini tamil in Sri Lanka nelle elezioni parlamentari del 1977. Per questo motivo nella prossima consultazione elettorale gli elettori potranno esprimere il loro parere favorevole o contrario a questa risoluzione.
Testo del Referendum: "Ambisco alla formazione dello stato del Tamil Eelam, indipendente e sovrano, nei territori contigui del nord ed est dell'isola dello Sri Lanka, sulla base del fatto che le persone di lingua madre tamil nell'isola dello Sri Lanka formano una nazione distinta, hanno una patria storica e hanno il diritto all'autodeterminazione."
La nazione del Tamil Eelam viene presentata come: secolare, Repubblica democratica liberale, basata sulla partecipazione del popolo nelle attività politiche, di visione egualitaria, sostenitrice dello Stato di diritto, garante delle libertà di cui si gode nelle democrazie liberali. 
Questa risoluzione è stata votata in molti paesi europei e in Canada, su un totale di 195.869 elettori il 99.7% ha espresso parere favorevole (http://en.wikipedia.org/wiki/Tamil_Eelam_independence_referenda)
In Italia, si stima che ci siano 5.000 tamil originari dello Sri Lanka aventi diritto al voto. Sono stati predisposti 16 seggi che saranno aperti Domenica 21 Marzo dalle ore 9,30 alle 19,00. Il sito ufficiale è www.elezionitamil.it.
Le elezioni saranno monitorate a livello nazionale da COCIS, coordinamento di ONG di cooperazione internazionale, che lavora per favorire i processi di pace e giustizia fra popoli.
 

Sondaggio

Eri già a conoscenza della guerra in Sri Lanka?
 

Visitatori

Content View Hits : 150010