TamilAction

notizie in lingua italiana sulla guerra in Sri Lanka - Per informazioni: info@tamilaction.org

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Notizie Ex portavoce dell'ONU: nel 2009 in Sri Lanka più di 40.000 civili tamil massacrati

Ex portavoce dell'ONU: nel 2009 in Sri Lanka più di 40.000 civili tamil massacrati

E-mail Print PDF
Durante l'ultimo attacco sferrato dall'esercito dello Sri Lanka contro le Tigri Tamil nel 2009, si è consumato un massacro che conta più di 40.000 civili morti secono le stime di un resoconto, molto dettagliato nella descrizione degli eventi, rilasciato dal primo funzionario delle Nazioni Unite- afferma la stampa. Il portavoce ufficiale delle Nazioni Unite in Sri Lanka, Gordon Weiss, ha dato le dimissioni dopo 14 anni di servizio ed è ritoranto in Australia, dove è stato intervistato dal telegiornale dell'ABC. "Egli è ora libero di parlare apertamente riguardo la situazione in Sri Lanka e ha rilasciato le sue dichiarazioni molto francamente e risolutamente", afferma l'agenzia media.
 
"Circa 300.000 civili, a cui bisogna aggiungere i militi delle Tigri Tamil, sono stati intrappolati e relegati in un'area di territorio pari per estensione a Central Park in New York"- afferma Weiss.
"Erano alla portata di tutti gli armamenti,  piccoli e grandi, che sono stati adoperati per rompere le linee delle tigri Tamil...il risultato finale è stato che molte migliaia hanno perso le loro vite."
Gordon Weiss assicura che le sue informazioni provengono da fonti attendibili che erano presenti nell'area di combattimento e non da civili o militi Tamil.
"Il governo dello Sri Lanka ha rilasciato molte dichiarazioni che erano o volutamente fuorvianti o delle menzogne", dice Weiss al giornalista della ABC, Eric Campbell.
Weiss dice che dopo la fine della guerra un impiegato statale superiore ha apertamente ammesso che le autorità hanno deliberatamente sottostimato il numero di civili colpiti, in maniera tale da consentire al governo di continuare a coltivare il suo business e i suoi interessi. Dopo che il Governo dello Sri Lanka ha dichiarato vittoria contro LTTE nel Maggio 2009, il giornale inglese, The Times, ha chiuso un'ampia indagine sugli ultimi giorni dell'offensiva affermando che più di 20000 civili Tamil sono stati uccisi.
Sottolineando che non solo le Nazioni Uniti, ma anche molti Governi occidentali, pur essendo conoscenza del massacro dei civili Tamil perpetuato dall'esercito del Governo dello Sri Lanka, continuano a mantenere il silenzio per paura di infastidire il Governo dello Sri Lanka, il giornale The Times ha richiesto un intervento internazionale per prevenire ulteriori atrocità.
"Una collusione cosi scandalosa nel coprire una strage umana non deve passare incontestata. Se il Concilio per i Diritti Umani delle Nazioni Unite si rifiuta di indagare su ciò che è successo, il mondo occidentale deve comunque farlo immediatamente", ha affermato il giornale in un editoriale.
"Il silenzio di coloro che hanno guadagnato e speculato sulle morte civili in Sri Lanka è scandaloso. Questi dovrebbe parlare almeno adesso per prevenire future stragi", accusa sempre l'editoriale.

 

Sondaggio

Eri già a conoscenza della guerra in Sri Lanka?
 

Visitatori

Content View Hits : 184622