TamilAction

notizie in lingua italiana sulla guerra in Sri Lanka - Per informazioni: info@tamilaction.org

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home

Libertà di movimento per i profughi tamil: verità o promessa elettorale?

E-mail Print PDF

Il Ministro degli Esteri dello Sri Lanka Rohitha Bogollagama aveva proclamato alla televisione britannica la definitiva apertura dei campi di concentramento, ma le organizzazioni umanitarie sollevano dubbi su questa concessione fatta dal governo ai 130.000 civili tamil che si trovano ancora in questi campi. In realtà non si tratta di una vera e propria apertura dei campi, ma di una concessione temporanea per uscire dai campi per un massimo di 15 giorni, inoltre negli ultimi mesi molti civili che dovevano essere reinsediati sono stati portati in altri campi a controllo militare.

C’è un grande punto interrogativo su cosa intenda il governo per “libertà di movimento per i profughi”. Il timore è che si tratti di un gioco politico in vista delle prossime elezioni presidenziali di Gennaio con l’opposizione tra l’ex generale dell'esercito Fonseka e l’attuale presidente Rajapaksa.

Il Daily Telegraph aveva riferito che le richieste dei numerosi media, per visitare i campi del distretto di Vavuniyaa e per testimoniare l’annunciato rilascio dei migliaia di civili, erano state respinte. Anche il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha affermato che gli era stato negato l’ accesso ai campi e non vi era stata alcuna concessione alle restrizioni, nonostante l’annuncio di Bogollagama. La dichiarazione di quest’ultimo è stata pubblicamente smentita dal Governo dello Sri Lanka, con la conferma del Ministro dei Diritti Umani Mahinda Samarasinghe che le restrizioni ai giornalisti di visitare gli sfollati nei campi non sono ancora stati estesi pur rifiutando di fornire una data precisa di quanto questo accadrà. Questo scenario non lascia tranquilli gli operatori umanitari e la società civile dell’isola che temono di veder ridotta la vicenda delle migliaia di profughi della guerra in una merce di scambio e in un tema da strumentalizzare durante la campagna elettorale.

In una conferenza stampa speciale tenutasi Lunedì 7 Dicembre, il governatore della Provincia Settentrionale, Maggiore Gen. Chandrasiri, ha confermato che 127.905 civili sono attualmente nel campo di internamento di Vavuniya.

Last Updated on Wednesday, 09 December 2009 10:49  

Sondaggio

Eri già a conoscenza della guerra in Sri Lanka?
 

Visitatori

Content View Hits : 181624