TamilAction

notizie in lingua italiana sulla guerra in Sri Lanka - Per informazioni: info@tamilaction.org

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Aiutateci a fermare il genocidio in Sri Lanka

La conferenza della diaspora tamil tenutasi a Londra chiede l'immediato cessate il fuoco.

E-mail Print PDF

Giovedì 26 Marzo 2009 e Venerdì 27 Marzo 2007, a Londra, 45 dignitari tamil provenienti da 21 paesi si sono riuniti per chiedere un cessate il fuoco immediato in Sri Lanka e per consentire l'accesso immediato agli aiuti umanitari nel Vanni. I delegati hanno inoltre affermato che i Tamil dell'Eelam devono poter esercitare il diritto all'autodeterminazione sottolineando che il popolo tamil ha dato il proprio mandato democratico per la creazione di uno stato indipendente, il Tamil Eelam, ribadendolo in tutte le richieste politiche.

Read more...
 

In tre giorni sono stati uccisi 179 civili, tra cui 76 bambini

E-mail Print PDF

Da Giovedì 26 Marzo 2009 a Sabato 28 Marzo 2009 gli attacchi dell’esercito dello Sri Lanka (SLA) hanno causato la morte di 179 civili, in base alle informazioni raccolte dal corrispondente di TamilNet a Vanni.

Almeno 76 delle vittime erano bambini al di sotto dei 15 anni. Tra le vittime c’erano almeno 16 donne incinte. All’incirca il 45% delle migliaia di bombe lanciate dall’esercito dello Sri Lanka hanno colpito la "zona di sicurrezza". Nel frattempo, uno staff internazionale della Croce Rossa, che Sabato è andato sulla nave per trasportare i civili feriti ha rischiato la vita quando colpi d'arma da fuoco sparati da lunga distanza  dall'esercito dello Sri Lanka hanno colpito la nave. Venerdì, un operatore locale della Croce Rossa, P.Satheeskumar, è stato ferito nell’attacco effettuato dell’esercito dello Sri Lanka.

 

 

Continua il massacro, Mercoledì 25 Marzo 2009 uccisi 131 civili tra cui 32 bambini

E-mail Print PDF

Mercoledì 25 Marzo 2009 sono stati uccis 131 civili, tra cui 32 bambini, a causa di diversi attacchi da parte dell’esercito e dell’aviazione dello Sri Lanka avvenuti all’interno della "zona sicura", in base alle notizie ricavate da vari operatori delle NGO e da autorità mediche all’interno della zona civile assediata dall’esercito dello Sri Lanka. 49 dei 252 feriti erano bambini.

 


 

L’esercito dello Sri Lanka ha attaccato con bombe RPG, ha inoltre lanciato colpi d’arma da fuoco a lungo termine e colpi di mortaio che avevano come obbiettivo il tratto di zona di 4 km che va dall’area di Puthumaaththa'lan a quella di Valaignarmadam. 7 membri di una famiglia, tra cui 4 bambini tutti al di sotto di 10 anni, sono stati uccisi a Maaththa'lan a causa degli attacchi RPG da parte dell’esercito dello Sri Lanka. Nel frattempo i bombardamenti dell’aviazione dello Sri Lanka hanno causato la morte di 27 civili.

 

 

Martedì 24 Marzo 2009: L'esercito dello Sri Lanka uccide 62 civili

E-mail Print PDF
L’esercito dello Sri Lanka (SLA) ha bombardato, dalle ore 12:30, tutte le aree nella "zona di sicurezza". Martedì hanno perso la vita 62 civili e molti hanno subito gravi ferite. Attacchi d’artiglieria e bombe mortali hanno colpito durante la notte la zona di sicurezza uccidendo 27 civili. Alcune bombe a grappolo sono esplose tra la zona di Valaignarmadam e di Ampalavanpokka’nai causando gravi perdite. L’esercito dello Sri Lanka ha lanciato bombe RPG, sulle "zone di sicurezza" durante il giorno inoltre 12 bombe aeree sono state lanciate negli insediamenti attorno all’incrocio tra Pachchaip-Pulmoaddai all’interno della zona di sicurezza. Più di 70 bombe sono state lanciate dai bombardieri dell'aviazione srilankese (SLAF), che stavano volando a bassa altitudine, uccidendo almeno 17 civili.
 

Lunedì 23 Marzo 2009: L'esercito dello Sri Lanka uccide 128 civili in 48 ore

E-mail Print PDF
Lunedì 23 Marzo 2009, gli attacchi con bombe a corto raggio da parte dell'esercito dello Sri Lanka, come i razzi RPG e gli spari d’arma da fuoco, hanno ucciso 92 civili, tra cui 19 bambini. In base alle informazioni ricevute dagli operatori umanitari e dalle autorità mediche Domenica sono stati uccisi 32 civili, tra cui 7 bambini. Lunedì circa 160 civili sono stati feriti a causa degli attacchi coi razzi RPG, inoltre è stata colpita la zona di Puthumaaththa’lan all’interno della “zona di sicurezza”. Durante il giorno, maggiori e sistematici attacchi sui civili avevano come obbiettivo quello di sfrattare i civili presenti nella così detta zona di sicurezza, ha riferito il corrispondente del Tamil Net che ha visitato la zona dove è avvenuto il massacro.
Lunedì intorno alle 16:00 sono stati uccisi 9 civili vicino all’improvvisato ospedale di Puthumaaththa’lan. Le bombe hanno colpito da una distanza di 400 metri, dietro all’ospedale. Altre 3 bombe, che hanno colpito la zona di Pokka’nai, hanno ucciso 16 civili.
 

L'esercito dello Sri Lanka uccide oltre 144 civili in 4 giorni nella "zona di sicurezza"

E-mail Print PDF

L'esercito dello Sri Lanka continua a lanciare colpi di artigleria nella "zona di sicurezza". Sabato ci son stati almeno 5 bombardamenti nell'area di Ira'naippaalai, nella quale sono stati uccisi 42 civili, tra gli 80 civili feriti figura anche il Village Officer (carica istituzionale - rappresentante del villaggio).

L'esercito dello Sri Lanka sta evitando il confronto diretto con le Tigri per la liberazione del Tamil Eelam (LTTE) e come tattica alternativa usa bombardamenti a tappeto

Venerdì l'esercito dello Sri Lanka ha lanciato bombe uccidendo 46 civili all’interno della zona di sicurezza dell’assediato Mullaitheevu. Le bombe lanciate Venerdì, dall’esercito dello Sri Lanka, hanno colpito 6 tende in cui vivevano i rifugiati a Maaththa'lan, uccidendo 16 civili. Nello stesso giorno 4 civili sono stati uccisi all’incirca alle ore 11.00, a 300 metri dalla costa, dove la Croce Rossa stava trasportando dei civili feriti. Secondo le fonti locali, Giovedì 39 civili, tra cui 11 bambini, sono stati uccisi invece Mercoledì almeno 17 civili sono stati uccisi.

 

 

 

 

 

 


Page 14 of 17

Sondaggio

Eri già a conoscenza della guerra in Sri Lanka?
 

Visitatori

Content View Hits : 186283